Il nostro blog

Il nostro blog

IN BOCCA AL LUPO – ORIGINI DEL MODO DI DIRE

antonella 20. Ottobre 2020 Tag:, , , , , , , , , CURIOSITÀ No comments
featured image

Stai andando a fare un esame? In bocca al lupo.

Hai una gara sportiva? Una visita medica? Giochi al lotto?

Incontri il tuo ex? In partenza per un viaggio? Ancora in bocca al lupo.

Qualunque ostacolo o sfida tu abbia davanti a te, se hai bisogno di fortuna in Italia è bene che tu finisca nella bocca del lupo!

L’ espressione italiana “In bocca al lupo” è usata in senso scaramantico, per augurare “buona fortuna”, “buona riuscita”.

Ma quali sono le origini di questo modo di dire tanto usato nel Bel Paese?

LE ORIGINI

Sulle origini di questa espressione ci sono diverse interpetazioni.in bocca al lupo

Una spiegazione collega l’origine di questo modo di dire al linguaggio di pastori e allevatori.

Nel Medioevo e nella tradizione antica, il lupo era considerato l’animale più pericoloso in assoluto, perchè ritenuto crudele e insaziabile, temuto e pericoloso per il bestiame.

Il fatto di augurare di finire in una situazione così brutta, dunque, aveva una funzione scaramantica e serviva a tenere lontane le brutte situazioni e i guai.

Altri invece pensano che sia legato al linguaggio dei cacciatori che sopprimevano i lupi, ritenuti pericolosi per gli umani.

Per cacciare un lupo bisogna avvicinarsi e quindi metaforicamente mettersi “nella bocca del lupo”.

In questo caso dire in bocca al lupo significava dire “buona caccia”.

 

Un’altra interpretazione prende spunto dalla leggenda di Romolo e Remo, salvati dalla lupa.

In questo caso il lupo sarebbe simbolo di accudimento e protezione.

romolo e remoL’augurio rappresenterebbe l’amore della madre-lupo che prende con la sua bocca i propri figlioletti per portarli da una tana all’altra, per proteggerli dai pericoli esterni.

Dire in bocca al lupo sarebbe quindi uno degli auguri più belli che si possa fare ad una persona.

È la speranza che si possa essere protetti e al sicuro dalle malvagità come la lupa protegge i suoi cuccioli tenendoli in bocca.

IN BOCCA AL LUPO, OK! MA COME SI RISPONDE?

in bocca al lupoIn base alle interpretazioni, varia anche la risposta. Quella più famosa e utilizzata è “Crepi”, inteso come “Crepi il lupo”.

Esistono però anche altre forme come “evviva il lupo”, “viva il lupo” o più semplicemente “grazie”, se si considera il lupo come salvezza dai problemi e dalle difficoltà.

E tu? Quale versione ti appassiona di più?  Qualunque cosa tu faccia, un grosso in bocca al lupo dal team di ANYWAYS.EXPERIENCES! 🙂

Seguici su Instagram, FacebookYouTube.

Related Posts

  • andiamo in italia

Add your comment